Salta al contenuto principale

Modem parla di dislessia con Paola - Edizione del 06.10.2017

Dislessia da Nobel

Premiato per le sue ricerche che hanno permesso l’osservazione al microscopio di molecole in altissima definizione, il professore Dubochet, ormai in pensione dal 2007, ha rivelato di essere dislessico. Non l’ha mai nascosto, sin dal suo curriculum vitae, dove sotto l’anno 1955 si autodefinisce “primo dislessico ufficiale del canton Vaud”.

Il neo vincitore del premio Nobel per la chimica, nella cerchia di persone famose, è in buona compagnia: fra i dislessici si contano cantanti, scrittori, politici, scienziati, attori, atleti, da Agatha Christie a Harry Belafonte, da Mohammed Alì a Tom Cruise, da John Fitzgerald Kennedy a Albert Einstein. Tutta gente che nel suo ambito ha percorso un lungo cammino nonostante la dislessia, ovvero un disturbo specifico dell’apprendimento che si manifesta nella difficoltà di lettura. Quanto essa, oggi sempre più spesso diagnosticata, appesantisce il percorso di un ragazzo? E quale la situazione nella Svizzera italiana? Ne parliamo a Modem